Sesta tappa: Brisbane

Ho sempre odiato fare il “cambio dell’armadio” tra l’estate e l’inverno (mia madre ne sa qualcosa… la famosa “cernita” che non ho mai capito cosa significasse) 😉 . Ma non mi era ancora capitato di fare il “cambio di valigia”! Stasera, dopo cena, ho deciso di sfruttare tutto lo spazio che questo fantastico appartamento ci offre per piazzare in soggiorno i miei due mega valigioni (il bagaglio a mano è una questione a parte) uno a fianco all’altro e trasferire tutte le mie belle cosine estive nella valigia che porto quotidianamente su e giù per i vari motel. Sono perfettamente consapevole che nel momento in cui dovrò prendere il volo per andare da Cairns a Melbourne dovrò inevitabilmente eliminare un bagaglio e, di conseguenza, molte delle cose inutili che mi sto portando in giro da quasi un anno ma che non mi servono o che non ho persino mai usato. Purtroppo questo è un difetto che ho sempre avuto e che persiste tuttora: viaggio sempre trooooppo pesante! Chi è stato in viaggio con me, poverino, lo sa bene. Ogni volta che faccio la valigia giuro che ci provo ad impegnarmi a mettere dentro solo l’indispensabile, ma poi penso sempre di aver bisogno di tutto. Questo fatto mi crea sempre dei grandissimi problemi con l’hostess di turno al momento del check in. Comunque il punto a cui volevo arrivare era che, a differenza di tutte le altre volte, questa volta fare il cambio di valigia è stato davvero rigenerante. Mi ha fatto pensare che, anche se, è vero, le valigie sono due (3 col bagaglio a mano), ormai tutto quello di cui ho davvero bisogno è lì dentro: nella prima i vestiti invernali, nella seconda quelli estivi, e nel bagaglino le cose da bagno. Stop. Potrei continuare a spostarmi e a viaggiare in qualsiasi angolo del pianeta (o almeno buona parte) e non mi mancherebbe niente! Piumino, pile e maglioni per i luoghi più freddi, costumi, canottiere e shorts per quelli più caldi. Sì, forse potrei avere meno scelta di capi per ciascun genere ma fa niente. Ho il necessaire per sopravvivere ovunque. La cosa di cui però non potrei mai fare a meno è il mio laptop e la connessione che mi tiene in contatto col resto del mondo. Senza, mi sentirei davvero persa. Posso fare a meno della tv, dello stereo, del lettore dvd… ma non toglietemi il mio pc rosa 9 Pollici e il mio modem wireless!! Potrei morire… :-(

A parte questo, lo scopo del post era quello di aggiornarvi sul proseguimento del viaggio. Oggi abbiamo trascorso la giornata a Brisbane, bellissima città del Queensland che sorge lungo un fiume di cui non conosco il nome.
Domani raggiungeremo Hervey Bay da dove io domenica (tempo permettendo) partirò per una gita a Fraser Island. Simo non è ancora sicuro di accompagnarmi perché non è interessato all’isola di sabbia più grande del mondo :roll: . Va beh! Io, se non piove, 200 dollari di tour li spendo volentieri!

Appena trovo il tempo scrivo un bel post per raccontarvi del famoso doppio appuntamento che ha avuto Simo venerdì scorso  :mrgreen:

Ciao ciao!

  • http://www.facebook.com/pallino86 Stefano Palattella

    Linda io invece oggi ho incrociato la tua mamma e la tua 147 !! :)

  • http://stepinsidethesun.it/ Linda

    Ah si? E come l’hai trovata? (la 147) 😛

  • Mamma

    Ah str…. pensa alla 147 non alla mamma.