New Zealand – North Island (800km from Auckland to Wellington)

Finalmente sono riuscita a completare questo post riassuntivo della vacanza!
L’ho scritto a rate nei pochi momenti liberi che riuscivo a trovare durante il giorno…
Enjoy it!

28th July – 5th August 2012
New Zealand – North Island (800km from Auckland to Wellington)
Otto fantastici giorni passati alla scoperta di questa magica terra…
Tralascio il racconto di Auckland primo, perché ne ho già parlato in qualche post precedente, secondo, non mi voglio dilungare troppo annoiandovi, terzo, non ho moltissimo tempo ne voglia di scrivere.

Dunque cominciamo.

Martedì, come da programma, noleggio auto e prima tappa a Rotorua; a detta di alcuni, la terza città più puzzolente del pianeta. Effettivamente, come dar torto a chi ha stilato la classifica! Ad ogni modo, l’atmosfera creata dalla fuoriuscita di gas dalla terra e l’emozione regalata dalla nebbiolina che si forma sopra la superficie dell’acqua che evapora compensano l’odore che, purtroppo, ne deriva… in particolar modo quando la notte prima ha piovuto.

Mercoledì mattina, prima di rimetterci in viaggio, abbiamo voluto sperimentare il grande brivido del bungee jumping. Quando riuscirò a mettere online il video ripreso dalla telecamerina che avevo legata al polso vi assicuro che morirete dal ridere… c’ho messo un po’ a prendere coraggio e a lanciarmi, ma mai avrei potuto tirarmi indietro all’ultimo. Sarebbe stata una sconfitta troppo grande per il mio ego. Al contrario, mi autoumilierò pubblicamente mostrandovi le espressioni idiote che ho assunto prima e durante il lancio… che vergogna! (Cosa non si fa per aumentare le visite al sito).
A parte questo, sempre mercoledì, nel primo pomeriggio, siamo poi giunti sino a Taupo. Come ho già detto, la città di Taupo da il nome al più grande lago di origine vulcanica della Nuova Zelanda. In genere durante la stagione calda questa zona viene invasa dai turisti per la miriade di sport acquatici e non che essa propone. Uno di questi è lo skydiving, il famoso “tuffo” dall’elicottero da un’altezza di 12000 o 15000 piedi (il prezzo varia in base all’altezza dalla quale si decide di lanciarsi). Io e Simo avevamo già prenotato il nostro lancio per il giorno successivo (le botte di adrenalina danno dipendenza), solo che il tempo non ce l’ha permesso. Fanculo. 250 dollari risparmiati.

Visto che Taupo ormai non avrebbe potuto offrirci nulla di più entusiasmante di quando non avessimo già visto la sera prima, ci siamo subito messi in viaggio per raggiungere una piccola città consigliataci dall’impiegata dell’info point: Wanganui, tappa intermedia prima di giungere al capolinea del nostro viaggio, ovvero Wellington. I successivi 220km percorsi in macchina sono stati sicuramente i più interessanti di tutto il viaggio. Durante il tragitto abbiamo infatti attraversato paesaggi in continua variazione e scenari diversissimi: dagli immensi pascoli verdi, alle infinite distese aride, strade a due corsie, strade di montagna, interminabili tornanti… e in lontananza, cime innevate. Tra un piccolo borgo e l’altro, il nulla. Solo pecore e mucche pelose.

Wanganui, nonostante faccia parte di un piccolo distretto ai più sconosciuto, è stata forse la città che ci ha entusiasmato di più. Anche qui innumerevoli negozietti, ristorantini, fast food… Very very lovely!

Negli ultimi due giorni rimasti, abbiamo infine avuto modo di visitare la mitica Wellington. A nostro parere molto ma molto più bella di Auckland, al contrario di tutte le opinioni sentite prima di partire. Questo dimostra che non bisogna mai farsi condizionare dai giudizi altrui prima di aver visto con i propri occhi!

Per poter sostenere di aver visto qualcosa con i vostri occhi, assicuratevi prima di non aver da poco fumato quella cosa che vedete nella foto qua sopra  😯 .

Cos’altro aggiungere…
Direi che consiglio vivamente di ripercorrere questo tragitto a tutti coloro che in pochi giorni volessero visitare l’isola nord della Nuova Zelanda: 8 giorni, 800km (già comprensivi dei 100 persi sbagliando strade o cercando motel), due città note, tre cittadine più piccole per scoprire com’è la vita nell’entroterra, e svariati paesaggi. L’unica cosa che mi manca di aver visto è un kiwi in carne ed ossa… ma va beh!

  • Mamma

    Tutto bellissimo… Ma cos’e’ quella salvia che hai in mano?

  • http://stepinsidethesun.it/ Linda

    La salvia per fare i ravioli burro e salvia a cena :-)